Tra le cacce da appostamento, la caccia al colombaccio in terre scozzesi, è sicuramente una delle preferite degli amanti di questa specie.

La caccia al colombaccio, aperta tutto l’anno, si svolge principalmente nei mesi di Marzo e Aprile, e poi di nuovo da Luglio a Settembre. I colombacci riempiono i cieli scozzesi e, la loro comparsa lascia a bocca aperta anche il cacciatore più avvezzo. La caccia primaverile si svolge su terreni appena coltivati con orzo, grano, colza e piselli mentre, la caccia ai colombacci estiva si svolge invece al momento della trebbiatura ed è organizzata con giochi, stampi e richiami situati intorno ai capanni.

Da dietro al blind si vedono i primi voletti che si abbassano sulla stamperia. I primi tiri di questa caccia vanno a segno e le prede si aggiungono agli stampi. Dall’alba alla mattina inoltrata è un turbinio di voli, di tiri e di piume che volano al vento.

Il colombaccio è facile da riconoscere: il volatile è di un colore grigio delicato con strisce bianche sulle ali e una fascia bianca sul collo, nella parte inferiore del corpo si trova una miscela ricca di colori dal rosa al malva. L’occhio è di colore giallo e ha un’apertura alare di poco più di 60 cm. Pesa circa 500/600 gr ed è in grado di volare più di 80 chilometri all’ora in volo livellato.

caccia al colombaccio colombacci scozia Montefeltro viaggi di caccia

Ma come cacciare un colombaccio?

I colombacci sono degli uccelli che vivono in stormi, che mangiano sempre per stare al passo con il loro rapido metabolismo e trascorrono molte delle loro ore a terra rifocillandosi nei campi. Scelgono un campo, arrivano e vanno via dal campo scelto seguendo una linea di volo. Per poter cacciare con successo è necessario sapere che cos’è una linea di volo e come trovarla.

Una linea di volo è una “strada” nel cielo che i colombacci utilizzano per viaggiare da casa al cibo e viceversa. Quindi possiamo ricapitolare dicendo che il colombaccio dorme e si riproduce nei boschi, si nutre nei campi e sceglie dei percorsi su cui volare per viaggiare tra questi luoghi.

Una volta osservato il campo e costruito il capanno proprio sotto la loro linea di volo in quello stesso campo, anche se li spaventerete quando inizierete a sparare essi torneranno a volare lungo la medesima linea di volo per tornare ad alimentarsi.

Il viaggio in terre scozzesi per la ciaccia al colombaccio è un’esperienza unica da vivere che inizia già in auto quando per raggiungere l’hotel si attraversano le campagne scozzesi, popolate da animali al pascolo e da numerosi colombacci.

viaggi di caccia in scozia caccia ai colombacci colombaccio scozia Montefeltro

Si parte per la caccia ai colomacci sui campi d’orzo e di grano dove si resterà fino a ora tarda. Dopo aver raccolto decine di capi si torna al lodge per una birra fresca o un single malt di classe. Il giusto riposo dopo una giornata impegnativa.

Un buon alleato per questo tipo di caccia, visto l’alto volume di fucilate che la contraddistinguono, è un fucile semi-automatico con canne da 66 o 71 e strozzatori intercambiabili, per poter valutare al momento della cacciata in base alla distanza a cui passano i selvatici.

Per chi preferisce viaggiare più leggero, potrà trovare a disposizione direttamente in Scozia degli ottimi fucili Benelli e Franchi.

Dal Benelli comfort, fucile comodo, pratico e semplice da gestire che si contraddistingue per calcioli e naselli in Technogel. C’è poi il Franchi Affinity alleato prefetto in ogni condizione atmosferica per una giornata di caccia senza compromessi. Ti proproniamo anche Benelli M1 e Franchi Feeling, per soddisfare le esigenze di ogni cacciatore.

Scopri il programma

Parti per il tuo viaggio di caccia ai colombacci!

Nelle brume del mattino, chiuso nel piccolo capanno ben mimetizzato, resto in attesa. Ecco un primo voletto di grigi fantasmi che fa ala sugli stampi. Due colpi e i primi colombacci si uniscono, come richiami, ai simulacri di plastica. Poi, come per incanto, il cielo si punteggia di columbidi e il susseguirsi delle fucilate spezza il silenzio dei campi d’orzo falciati. Uno “shortbread”, una tazza di the a mezza mattina e via, fino a sera a tender l’agguato al re della caccia estiva scozzese.